Home
Chiesa di Cristo Gesù a Pomezia
testimoniamo Cristo crocifisso e risorto

home | chi siamo | benvenuti | riflessioni | studi biblici | domande e risposte | contattaci |

cerca nel sito


Nuova pagina 2 LA FEDE: TRA CERTEZZA E NECESSITA'

Domanda:

Nuova pagina 4

Domanda: Sei sicuro di avere la certezza di ciò in cui credi... o hai semplicemente LA NECESSITA'di credere.


Risposta:

Nuova pagina 1

Secondo la celebre definizione che si trova nel Nuovo Testamento "la fede è il fondamento delle cose che si sperano, e l'argomento di quelle che non si vedono" (Ebrei 11,1; cfr. Dante, Paradiso, XXIV,64).

La forza (virtù) del credere sta perciò nell'anticipazione e nella garanzia delle realtà future, che sono oggetto di speranza e di non-visione. Questa fiducia tuttavia è radicata non in "me", nella "mia" forza di credere, nella "mia" capacità di credere, o persino nella mia "necessità" di credere, bensì al di fuori di me, nelle parole del Signore che accolgo con umiltà di cuore e con estrema incertezza in "me". Anche nell’ambito della fede vale il famoso assioma di Paolo apostolo, “quando sono debole, allora sono forte” (2 Cor. 12,10), perché confido e ripongo la forza non in me stesso, ma in Cristo.

Somiglio a quel padre che per la guarigione del proprio figlio malato (Mc. 9,17) si rivolge ai discepoli di Gesù, ma senza successo. Parla quindi a Gesù stesso: "Se tu puoi qualcosa, aiutaci...". Gesù replica che "tutto è possibile a chi crede". Al che il padre confessa ad alta voce: "Io credo, mia aiutami nella incredulità" (Mc. 9,24).

Chi dice di credere dovrebbe sempre tenere un atteggiamento improntato sì alla fede, ma anche alla richiesta d'aiuto per la propria incredulità. Io sono sicuro...io ho una grande fede dovrebbero esser frasi (e atteggiamenti mentali) bandite dal cuore del discepolo di Gesù, sempre conscio dei propri limiti e della propria pochezza spirituale e morale. Proprio come quel padre alla ricerca della guarigione del figlio, l'uomo ha "la necessità" di credere. Ecco perché si volge e si affida spesso purtroppo ad apparenze e immagini del sacro che altri gli propone. Si tratta di simulacri vuoti e muti, che lasciano l'animo svuotato e deserto. Il Vangelo ricorda che Gesù ha parole di vita eterna (Gv. 6,68). Queste parole, se ascoltate di cuore, possono far scaturire quella fede fiduciosa che è speranza e non-visione (Rom. 10,17).

Ma la garanzia della fiducia resta nella persona in cui ho riposto la fede: "Io so in chi ho creduto"  (2 Tim. 1,12). Senza dimenticare un fatto essenziale: prima ancora che io (ogni uomo) decidessi di fidarmi e affidarmi a Dio, egli aveva già deciso di credere in me, considerandomi "degno della sua fiducia" (1 Tim. 1,12). E ciò nonostante i limiti, le imperfezioni e il male che mi porto dietro e dentro. Se Lui ha avuto tanta fiducia in me, come posso non ricambiare la sua fede?


www.chiesadicristopomezia.it non avalla siti esterni
Copyright 2006 - Software realizzato da Giorgio Valenti (Roma)