Home
Chiesa di Cristo Gesù a Pomezia
testimoniamo Cristo crocifisso e risorto

home | chi siamo | benvenuti | riflessioni | studi biblici | domande e risposte | contattaci |

cerca nel sito


DISCEPOLE E SERVIZIO

Domanda:

Carissimi, in che modo una donna deve porsi nei confronti della chiamata rivolta da Gesù ai discepoli? Sono una sorella in fede e ho un po' di incertezze sugli insegnamenti di Paolo riguardo a questo, ora non perchè io abbia manie di grandezza, ma perchè una donna non può accedere al ministerio? Ribadisco che personalmente non riesco neanche ad essere fedele nelle piccole cose, quindi non è per miei obbiettivi che pongo questo genere di domande, ma per capire quali sono i miei limiti biblici e perchè...la poca comprensione porta sofferenze...


Risposta:

Quello che poni, gentile sorella, è un argomento che richiederebbe una analisi completa dei testi biblici, da farsi possibilmente intorno a un tavolo, con le Bibbie e le menti bene aperte e in atteggiamento di preghiera umile. Qui si offre soltanto qualche semplice spunto di riflessione.

Anzitutto: chi ha stabilito che una donna non possa accedere al "ministerio"? Nel Nuovo Testamento questo termine indica il "servizio". Per Gesù, tutte le discepole e i discepoli - proprio in virtù del loro stesso discepolato - sono al suo "servizio", sono (o meglio, siamo) tutti suoi "servitrici" e "servitori".

Proprio per tale ragione Pietro presenta la chiesa come "popolo che Dio si è acquistato" in cui ciascun membro è "sacerdote reale", appartenente a un "sacerdozio santo", il cui servizio consiste nel "proclamare le virtù di Colui che vi ha chiamati dalle tenebre alla sua meravigliosa luce" (1 Pietro 2,5-9).

Occorre considerare in maniera attenta e pratica che ciascun "servitore" di Gesù - donna o uomo che sia - deve nutrire e coltivare l'atteggiamento interiore ed esteriore tipico di colui/colei che si fa "ultimo" per potere appunto servire gli altri (Marco 10,44). Il "servizio" non va evidentemente concepito come "carica" (potere, supremazia, mostra di sé), bensì come un mettersi a disposizione degli altri per poterli meglio servire, a seconda della capacità effettiva di ciascuno. Tre esempi potranno essere forse più utili di molte parole.

1. La donna Samaritana, col suo atteggiamento umile e perspicace, si dispone a servire Gesù allo scopo di evangelizzare il villaggio di Samaria (Giovanni 4,28-30 e 41-42). Si tratta, a ben vedere, di una sorta di preparazione al successivo annuncio del Vangelo da parte di Filippo (Atti 8,5 ss.).

2. Maria - sorella di Marta e Lazzaro - con la sua disposizione di umile apprendimento verso il Maestro, è simbolo del discepolo vero e capostipite di tutte le donne che, grazie al Vangelo, avrebbero superato la condizione di ignoranza in cui erano state tenute (gli insegnanti religiosi del tempo di Gesù non parlavano alle donne perché ritenevano ciò una "perdita di tempo"). Non solo, ma la lode che Maria riceve dal Signore per il suo desiderio di imparare (Luca 10,38 ss.) dimostra bene che Gesù ha "amici" e "amiche", vale a dire: non semplici "servi" tenuti all'oscuro di tutto, ma "amici ai quali ho fatto conoscere tutte le cose che ho udito dal Padre mio" (Giovanni 15,15).

3. La Maria più famosa, madre di Gesù, si dimostra strumento prezioso insostituibile nella sua ubbidienza di fede. Accoglie l'opera che le viene affidata dichiarandosi servitrice di Dio  ("ancella", Luca 1,38). Successivamente dimostra la propria conoscenza profonda - per nulla banale o superficiale - del testo biblico nelle dichiarazioni scritte in Luca 1,46-55, le quali abbondano di citazioni bibliche precise e puntuali. Proprio queste segnalano una personalità dedita alla riflessione e alla pratica del testo biblico, e quindi predisposta al "servizio".

Questo, evidentemente, è soltanto l'inizio di quella che - sul tema - potrebbe costituire una serie di "ragionamenti tratti dalle Scritture" (Atti 17,2). In questo passo chi parla è Paolo. Forse, per iniziare a comprendere quanto il Signore insegna sull'argomento tramite questo apostolo, sarebbe bene considerare attentamente l'elenco - lungo e significativo - di collaboratrici dell'apostolo, ricordate nell'ultimo capitolo della lettera ai Romani:

Febe, "diacono" della chiesa di Cencrea; Maria, colei che ha faticato per altri credenti; Trifena e Trifosa, lavoratrici per il Signore; Perside... Giulia... la sorella di Nereo. Tutte discepole che, senza manie di grandezza - come pure tu scrivi - hanno servito Dio con umiltà e amore. Il loro esempio resta scolpito nel Nuovo Testamento, proprio come dovrebbe esserlo anche nei nostri cuori e nella prassi della nostra esistenza.


www.chiesadicristopomezia.it non avalla siti esterni
Copyright 2006 - Software realizzato da Giorgio Valenti (Roma)